fbpx
Blu Innovation Media

Blu Innovation Media

Webinar e Live Streaming: cosa sono e le differenze

Webinar e Live Streaming, cosa sono e a cosa servono all'interno della tua strategia di Marketing? 

Cos'è il Webinar e come funziona?

Intanto partiamo dal concetto primario, cosa è il Webinar?

Il Webinar è semplicemente una lezione online tramite video che è possibile seguire tramite computer, tablet o smartphone, comodamente da casa o dal proprio ufficio.

È composto da un docente o da un relatore che descrive e spiega il suo argomento di discussione interagendo con i propri utenti tramite messaggistica.

All'interno del Webinar è possibile anche condividere il proprio desktop e mostrare quindi slide e tutti i contenuti che si vogliono mostrare ai propri utenti.

I vantaggi dei Webinar sono il loro costo molto contenuto, basta anche solo un buon computer con videocamera e microfono incorporati e la semplicità di parteciparvi; gli utenti, per poter accedere al webinar possono semplicemente compilare un modulo di iscrizione per ricevere il link alla diretta.

Cos'è il Live Streaming e come funziona? 

Il Live streaming può venire facilmente confuso con il Webinar visto lo scopo simile, portare online eventi o lezioni.

Ma a differenza del Webinar, il Live streaming necessita di attrezzature professionali come videocamere, luci, e impianto audio.

Di conseguenza, il Live streaming viene meno utilizzato se non per eventi piuttosto importanti come la presentazione di un prodotto che viene fatta su una grande sala con palcoscenico.

Per partecipare al live streaming solitamente bisogna acquistare una sorta di biglietto virtuale che vale da pass per "entrare" all'interno della grande sala.

 

Sia il Live Streaming che il Webinar sono eventi in tempo reale, in diretta, allo stesso tempo vengono anche registrati per dare possibilità di visualizzazione anche successivamente. Sicuramente più comodo per non perdere quegli utenti impegnati proprio al momento della diretta.

 

Perchè possono essere utili in una strategia di Marketing? 

Come abbiamo avuto modo di affrontare in questo nostro articolo, i video, ad oggi, sono una delle più grandi rivelazioni degli ultimi tempi in campo di Marketing. 

Video di presentazione di un prodotto, di lezioni online, testimonianze...oggi catturano più l'attenzione degli utenti.

Fino a qualche anno fa il re indiscusso erano gli articoli del blog e i contenuti multimediali come fotografie, oggi includere anche dei video può rappresentare la scelta più vincente.

Dà quel tocco di umano in più, vedere il volto e la personalità di chi rappresenta un'azienda, soprattutto se interagisce con i propri utenti, fa sentire apprezzati e disponibili e questo agli utenti piace.

Gli utenti sono curiosi e tenere viva la fame di curiosità con personalità, interazione e buoni argomenti può essere quello step in più che convince l'utente a scegliere di acquistare da noi oggi ma anche un domani.

 

Perchè non provare, quindi, ad implementare questa grande novità anche nella tua strategia di Marketing? i benefici sono tantissimi, vale la pena.

 

Se volete addentrarvi nel mondo dei video ma non avete la giusta attrezzatura o avete bisogno di qualche consiglio in più, contattateci pure liberamente cliccando qui.

Il nostro staff è a vostra completa disposizione per tutte le tappe della vostra strategia di marketing aziendale, video compresi.

Cosa aspetti? prima si inizia a lavorare, meglio sarà!

 

Alla prossima!

 

Fidelizzazione del Cliente, serve davvero?

La Fidelizzazione del Cliente serve davvero o è una pratica che si può risparmiare?

Partiamo intanto al principio, proprio sul concetto di "Fidelizzazione del cliente", in modo da renderlo chiaro una volta per tutte

Fidelizzare il cliente non significa fare uno scontrino, grazie e arrivederci; significa piuttosto fare in modo che il cliente riconosca la tua azienda come la migliore scelta per i suoi investimenti duraturi nel tempo, infatti "Fidelizzazione" significa fiducia, rendere il cliente fedele e non solo un un semplice acquirente.

Che vantaggi puoi ottenere fidelizzando i tuoi clienti? ecco i principali:

  • Sarai sempre la prima scelta in caso di bisogno
  • Un cliente soddisfatto sarà più propenso a parlare bene di te in giro, di conseguenza potrebbe portarti nuovi clienti
  • Avrà fiducia nelle tue proposte e avrà una maggiore propensione all'acquisto

Quello che erroneamente fanno molti imprenditori è dimenticare quel cliente che ha acquistato la prima volta; forse pensano sia scontato che tornerà o forse proprio non gli importa nulla, tanto ha già comprato, quindi siamo a posto così. 

Pensano, erroneamente, di aver già raggiunto il loro obiettivo, ma non sanno forse che il primo acquisto in realtà, potrebbe solo essere l'inizio.

Perché mollare un cliente pagante che potrebbe più facilmente tornare a spendere da te, per far spazio a potenziali nuovi clienti che "chissà se compreranno"?

È ovvio che un cliente che già ti conosce e conosce i tuoi prodotti o servizi sia più propenso a tornare rispetto all'utente che a malapena sa che esisti.

E lo sanno e lo fanno praticamente tutti:

  • dal supermercato con le sue tessere fedeltà
  • alle case editrici con la collana di riviste
  • alle software house che ti propone nuovi aggiornamenti

e così via...

Probabilmente anche tu possiedi, ad esempio, la tessera fedeltà del supermercato.

Possedere una tessera fedeltà del supermercato non è solo un vantaggio per te che fai parte di una cerchia di clienti con dei vantaggi (premi a punti, sconti, prodotti in esclusiva...) ma è soprattutto per le aziende che ti tengono stretto a loro!

Tu hai un piano fedeltà per i tuoi clienti? questa potrebbe essere l'occasione migliore per iniziare.

Quali sono gli altri vantaggi di Fidelizzare i propri clienti grazie ad un piano strategico personalizzato per la tua azienda?

  • I tuoi clienti sapranno sempre che la tua azienda tiene a loro
  • Raggiungerai i tuoi clienti al momento giusto 
  • I tuoi clienti si sentiranno parte di una Èlite di privilegiati
  • Avranno sempre la migliore offerta e i migliori vantaggi rispetto gli altri

Perché non mettere in pratica un piano personalizzato per trasformare i tuoi acquirenti in clienti fedeli?

Forse pensi sia una perdita di tempo o che non faccia al caso tuo? Valuta tu stesso:

Oltre il 90% degli utenti legge le proprie mail e oltre il 98% leggono gli sms

Immagina la tua offerta sotto gli occhi dei tuoi clienti già interessati a ciò che offri;

cosa pensi possa accadere? 

  • Potresti far tornare da te un cliente che ha già apprezzato la cucina del tuo locale per provare un nuovo menu in un'occasione speciale
  • Potresti far tornare da te un cliente che necessita di materiale aggiuntivo per il prodotto o servizio che ha già acquistato da te
  • Potresti far tornare un cliente che si è trovato bene nel tuo hotel e portarlo a sceglierti nuovamente
  • Potresti portare il tuo cliente a far la spesa da te grazie allo sconto riservato a lui

E così via per qualunque genere di servizio.

Dici che non vale la pena nemmeno tentare? sarà...eppure le statistiche di tutto il mondo dicono che il Remarketing (raggiungere nuovamente utenti che hanno già interagito e acquistato) può portare a risultati strabilianti. 

Noi di Blu Innovation Media abbiamo il migliore strumento per Fidelizzare i tuoi Clienti: BluPlatform

Cosa puoi fare con BluPlatform?

  • Potrai creare le tue campagne email ed sms inviandole subito o programmandole quando vuoi tu
  • Puoi creare i tuoi Coupon e inviarli al tuo database
  • Puoi creare delle tessere fedeltà virtuali da inviare al tuo database
  • Puoi creare sequenze di email ed sms in base alle azioni dei tuoi utenti e impostarle per l'invio automatico 

E molto altro ancora...

Blu Platform è lo strumento giusto per iniziare a fidelizzare i tuoi clienti in maniera facile e veloce e...abbiamo pronta un'offerta per te!

Cosa aspetti a richiedercela?

Contattati gratuitamente e senza impegno, ti basterà solamente cliccare qui.

Remarketing e retargeting per ottimizzare la tua strategia

Remarketing e Retargeting, cosa sono? a cosa servono? in che modo possono ottimizzare la tua strategia di web marketing?

Partiamo dalla definizione di Remarketing e Retargeting che, per quanto molto spesso vengono utilizzati come fossero dei sinonimi, in realtà presentano delle interessanti differenze.

Remarketing: Raggiungere nuovamente quegli utenti che hanno interagito in maniera attiva con il tuo sito (si sono iscritti ad una newsletter, hanno inserito dei prodotti nel carrello per poi abbandonarlo, hanno iniziato una procedura senza portarla a termine) o per raggiungere i tuoi già clienti per presentare delle offerte esclusive (email marketing, sms marketing).

In sostanza, per fare remarketing devi avere già alcuni dati a tua disposizione di questi utenti e clienti (come un indirizzo email o un numero di telefono)

Retargeting: Raggiungere quegli utenti che hanno interagito con il tuo sito web o con i tuoi contenuti per poi abbandonarli senza lasciare alcun dato (lettori di un articolo, visualizzatori di annunci sponsorizzati...)

In sostanza, per fare Retargeting serve che l'utente acceda al sito e accetti i cookie proposti che salva alcuni dati anonimi di navigazione utili per poterlo raggiungere nuovamente durante la sua navigazione presso altri siti web grazie a banner pubblicitari creati con le campagne pubblicitarie display.

Ricapitolando:

Remarketing è per raggiungere nuovamente utenti e clienti di cui si hanno dati diretti come email o numero di telefono

Retargeting è per raggiungere nuovamente gli utenti che hanno navigato sul sito accettando di far salvare al motore di ricerca alcuni dati anonimi identificativi

Come sfruttare al meglio il Remarketing e il Retargeting per la tua strategia di Web Marketing?

È ormai comprovato che moltissimi utenti non acquistano immediatamente al primo accesso, devono prima confrontare prezzi, validità, devono prendersi il tempo per decidere, magari devono confrontarsi con il socio o con il partner...

Ecco che diventa quindi importante fare in modo di non essere dimenticati nel frattempo e di far percepire il nostro valore aggiunto.

Se un tuo utente si mostra interessato ad un nostro prodotto e lo inserisce nel carrello, significa che la propensione all'acquisto c'è ma qualcosa lo ferma...cosa potrebbe bloccarlo? forse il prezzo? forse non è sicuro fino in fondo di ciò che sta comprando? forse attende un "ok" da parte di qualcun altro?

Qualunque sia il motivo, nostro compito è fare in modo che concluda la sua azione.

Ecco che, nel caso non abbiamo dati per raggiungerlo in maniera più personale come una email, possiamo sfruttare il Retargeting con le campagne display del motore di ricerca, creando un messaggio pubblicitario ad hoc che possa "convincere" il nostro utente a completare ciò che ha iniziato.

"Completa adesso il tuo ordine, per te questo esclusivo vantaggio: uno sconto del 10%/un omaggio/ecc"

Dove appaiono le campagne pubblicitarie display?

Le campagne pubblicitarie display appaiono sui siti web che collaborando con il motore di ricerca, offrono "ospitalità" ai banner pubblicitari (siti web, youtube, portali, blog...)

Sicuramente ti sarà capitato di vedere dei banner o degli spot pubblicitari mentre guardi un video su youtube o su un sito web, ecco, quelle sono campagne display e tu sei stato scelto sulla base di impostazioni precise (hai già mostrato interesse per quell'azienda, hai degli interessi affini, sei potenzialmente un possibile cliente) per vederlo.

Ricordare al tuo utente che sei ancora lì e ci tieni ad averlo come cliente, può portare ovviamente al completamento dell'azione, sta tutto a che tasti toccherai per convincerlo.

Quindi, chi naviga nel tuo sito ma non completa un'azione, può essere invogliato a terminare ciò che aveva iniziato, inserire questo step nella tua strategia di Marketing porterà sicuramente risultati maggiori rispetto il perdere definitivamente il potenziale cliente non appena chiude la pagina del tuo sito.

Per quanto riguarda il Remarketing, invece, parliamo di utenza e clienti di cui hai già dei dati, che quindi conosci un po' meglio rispetto i soli utenti che hanno navigato dentro il tuo sito per poi uscire.

È quindi possibile avere un contatto più diretto, più personale e soprattutto più economico rispetto le campagne pubblicitarie. 

Non a caso acquisire i dati di un utente è un primo passo fondamentale in una strategia di Marketing ma non sempre avviene, bisogna quindi fare sempre i conti anche con l'utenza un po' più diffidente.

I dati dei tuoi utenti sono utili per la creazione di materiale informativo, offerte speciali e vantaggi che possono convincere il tuo utente ad acquistare o tornare ad acquistare da te. Chi ti lascia i propri dati ha già una certa percentuale di fiducia e "renderli speciali" è fondamentali per mantenere tale fiducia attiva.

Quante mail ricevi ogni giorno? (togliendo il maledetto spam, ovviamente) immagino diverse...ognuna di queste mail, per cui tu stesso hai richiesto di riceverle, ha il compito di stimolare il tuo interesse ed offrirti dei vantaggi che non riserverebbero ad altri.

Anche il remarketing, tenere caldi gli utenti che hanno dimostrato un certo interesse al punto di lasciarti i propri dati, è tappa fondamentale in una buona strategia di Web Marketing. 

Chi ti lascia i dati, deve essere seguito, tenuto interessato e invogliato ad acquistare e acquistare nuovamente da te.

Una buona strategia è quella di richiedere i dati di un utente in cambio di un qualcosa di buon valore ma a poco prezzo o addirittura gratis, lo scopo è ottenere i dati.

Una volta ottenuti i dati e donato quanto promesso è possibile invogliare l'utente ad acquistare qualcosa di maggior valore, qualcosa di esclusivo, nel momento in cui si dimostra soddisfatto di te e "vuole saperne ancora di più".

In questo modo possiamo inoltre parlare di Fidelizzazione del cliente, nel momento in cui un cliente inizia ad acquistare più spesso i nostri prodotti o servizi ed è l'obiettivo finale di una strategia di Marketing: vendere e vendere ancora di più.

La tua strategia di Web Marketing comprende il Remarketing e il Retargeting? se non ne sei sicuro o se vuoi saperne di più su come ottimizzare le tue possibilità di vendita, contattaci pure senza impegno, ti basterà solamente compilare il modulo di contatto che troverai qui.

Alla prossima! 

Come fare pubblicità su Google

Come fare pubblicità su Google se non sei un esperto di campagne pubblicitarie; puoi sicuramente conoscerne di più a livello informativo, in modo che tu conosca già il lavoro che verrà svolto dai tuoi collaboratori.

Partiamo intanto da un concetto fondamentale che la maggior parte dei Marketer e delle Web agency non ti dicono: Le campagne pubblicitarie non sono "Il Marketing" non ti faranno diventare miliardario solo per averle messe online e non sono la bacchetta magica per il tuo Business.

Le Campagne pubblicitarie su Google, così come quelle su Facebook o su tutti gli altri canali, hanno come reale scopo quello di aumentare la visibilità delle tue promozioni o del tuo messaggio pubblicitario, rendendolo visibile prima di altri e quindi più propenso ad essere visualizzato e interessante.

Una volta chiarito ciò, facciamo un discorso pratico, in modo da offrire le migliori informazioni per far comprendere al meglio quantomeno le basi di questo "mondo".

Le campagne pubblicitarie si fondano su obiettivi, che possono essere quello di un acquisto diretto (se sei un Brand conosciuto con già alla base delle ottime vendite a primo colpo), l'acquisizione di contatti da richiamare (lead), l'incremento di traffico sul sito web (nel caso siate un blog) e moltissimo altro ancora.

Le campagne su Google si fondano su 2 tipologie: Campagne di ricerca e Campagne Display

Campagne pubblicitarie su rete di ricerca

Destinate a quegli utenti che stanno cercando attivare i servizi che offri, i tuoi prodotti, il tuo marchio. Chi ti sta cercando nel momento del bisogno (se sei un meccanico, un utente potrebbe cercare informazioni su una riparazione urgente) ed ecco che appare bello e meraviglioso il tuo annuncio proprio nel momento in cui il tuo utente ha proprio bisogno di te.

Questa tipologia di campagna pubblicitarie appare solamente nei risultati del motore di ricerca (Google, Bing...)

Campagne pubblicitarie su rete display

Destinate a quegli utenti che potrebbero aver bisogno dei tuoi servizi ma ancora non lo sanno. Ecco perchè le campagne display hanno come base la "domanda latente" ovvero la proposta dei tuoi servizi o prodotti ad utenti che potrebbero scoprire di averne bisogno nel momento in cui ne vengono a conoscenza grazie alla tua campagna pubblicitaria.

Hai un software che potrebbe semplificare la gestione del lavoro del tuo target e vuoi che gli imprenditori lo sappiano. Una campagna display mostrerà al tuo target quanto grazie al vostro prodotto, lavorare sarà ancora più semplice e veloce! Chi visualizzerà la vostra campagna, conoscerà il vostro prodotto e tutti i suoi vantaggi chiedendosi "come ho fatto a non pensarci prima?"

Come creare una campagna pubblicitaria su Google

Con la piattaforma ufficiale dedicata alla pubblicità su Google, possiamo creare tutte le campagne pubblicitarie che vogliamo sulla base dei nostri obiettivi.

  • Entriamo e accediamo all'interno della Piattaforma
  • Andiamo alla voce "campagne" del menu a sinistra
  • Clicchiamo sul tastino "+" in alto
  • Selezioniamo "Nuova campagna"
  • Qui sceglieremo l'obiettivo della nostra Campagna tra le opzioni disponibili

Campagne Pubblicitarie Google Obiettivi

 

Una volta scelto l'obiettivo, scegliamo la tipologia di Campagna pubblicitaria che fa più al caso nostro.

Campagne Pubblicitarie Google Tipologie

 

Come noterai, non ci sono solamente campagne su rete di ricerca o display, ma anche altre tipologie come "Shopping", "video" e altre. La descrizione che trovi sotto ogni voce e mettendo sopra il mouse mostrerà una descrizione dettagliata sull'utilità di ogni tipologia di campagna. Diciamo che quelle su rete di ricerca e Display, sono le più famose ed utilizzate.

Una volta scelta anche la tipologia di campagna, diamo una specifica su quello che è il nostro obiettivo tra le opzioni che ci mostra la piattaforma come "traffico su sito, telefonate, visite in negozio...in modo tale che Google possa ottimizzare il suo lavoro di mostrare i tuoi annunci a chi è più propenso a compiere quella determinata azione.

Eccoci quindi arrivati alla fase di "impostazione" della campagna pubblicitarie

In questa schermata potrai dare un nome alla tua campagna, selezionare un budget, impostare il tuo target sulla base del luogo in cui si trova o molte altre opzioni personalizzate grazie alla possibilità di impostare un "segmento di pubblico personalizzato" (per esempio donne, di età tra i 35-45 anni, con interessi negli acquisti di prodotti cosmetici)

Ecco che arriviamo al momento di scegliere la nostra strategia d'offerta

Possiamo scegliere tra:

  • Conversioni: Conteggio del numero di azioni eseguite (utile per lead)
  • Valore Conversione: Conteggio del valore monetario di ogni azione eseguita
  • Click: Conteggio del numero dei click di ogni annuncio pubblicitario

Per rendere la nostra campagna ancora più completa e performante, possiamo inserire dei "Sitelink", ovvero delle voci che saranno poste sotto il nostro annuncio pubblicitario con un nome, un url verso una nostra pagina web e una breve descrizione

Oppure il nostro numero di telefono per chi, da smartphone, vorrà telefonarci (utile in caso di necessità urgente)

O ancora il nostro indirizzo per chi vuole venire direttamente nel nostro punto vendita

Una volta completare tutte le tappe per impostare la nostra campagna pubblicitaria, ci troveremo finalmente nella sezione riguardante la creatività del nostro annuncio

Selezioniamo le parole chiave con la quale vogliamo essere trovati dai nostri utenti e andando avanti possiamo iniziare a creare il nostro annuncio scegliendo dei titoli, delle descrizioni e delle immagini.

Ogni annuncio pubblicitario contiene un url di destinazione, una pagina web che approfondità tutto riguardo il tuo messaggio pubblicitario. È molto importante che la pagina di destinazione rispecchi il contenuto del messaggio pubblicitario, pena la sospensione delle campagne da Google o addirittura il ban dalla piattaforma.

Una volta creato il nostro messaggio pubblicitario, non ci resterà che salvare e attendere le verifiche da parte del motore di ricerca (solitamente entro 24 ore) che approverà la nostra campagna o meno dandoci tutte le dovute informazioni a riguardo e la possibilità di correggere.

Se creare le tue campagne pubblicitarie ti porta via troppo tempo, pensi di non essere in grado o semplicemente non hai voglia di occupartene personalmente, noi di Blu Innovation Media siamo qui per aiutarti. Possiamo creare per te le tue campagne pubblicitarie professionali e fornirti periodi reort sul loro andamento. Per richiederci ulteriori informazioni, ti basterà semplicemente cliccare qui.

Alla Prossima!

Pixel Facebook - Cos'è e a cosa serve?

Il Pixel di Facebook è una stringa di codice che, inserito all'interno del nostro sito web o della nostra Landing Page, ci permetterà di poter misurare e ottimizzare le nostre campagne Pubblicitarie

È fondamentale conoscere e applicare il Pixel di Facebook quando si vogliono attivare delle campagne pubblicitarie; è l'unico modo che potrà permetterci di conoscerne l'andamento e poter correre ai ripari qualora ci fosse qualche errore o problematica.

Andiamo per gradi, non tutti lo conoscono, nonostante sia fondamentale, ecco perchè oggi voglio spiegarvi per bene tutto ciò che serve sapere riguardo il Pixel di Facebook.

Cos'è il Pixel di Facebook e a cosa serve, in sostanza?

È, come già detto sopra, una stringa di codice che, inserita nel nostro sito web o nella nostra Landing Page, ci permetterà di conoscere l'andamento delle nostre campagne pubblicitarie e poterne misurare l'efficacia. Il pixel ci permette, inoltre, di conoscere l'interazione degli utenti all'interno del nostro Sito e Landing Page e in base a questo, ottimizzare ulteriormente le nostre campagne pubblicitarie.

Quando un utente compie un'azione per noi interessante (visualizzazione di un video, un modulo di contatto compilato, un'iscrizione ad una newsletter, un acquisto...) il Pixel registrerà all'interno del Business Manager di Facebook l'azione compiuta. In questo modo tutte le azioni completate saranno sempre sotto i nostri occhi.

Ma non solo, grazie al Pixel di Facebook sarà possibile, grazie ai dati ottenuti, creare dei gruppi di utenti personalizzati per fare delle buone campagne di Retargeting.

Vuoi raggiungere nuovamente quegli utenti che non hanno compiuto alcuna azione o che hanno abbandonato il carrello? Il Pixel Facebook saprà chi sono e potrà nuovamente raggiungerli per invogliarli a completare ciò che hanno lasciato.

Oppure ancora, sarà possibile, grazie al Pixel, creare dei gruppi di pubblico simili, sulla base della navigazione e dei gusti, al pubblico che ha già mostrato interesse per la tua Azienda e i tuoi servizi.

Come installare il Pixel di Facebook?

Installare il Pixel all'interno della vostra pagina web non è complicato ma, se non hai alcun genere di dimestichezza con i siti web, allora è meglio rivolgersi ad un WebMaster Professionista.

Ecco quindi gli step per la corretta installazione del Pixel di Facebook

  1. Accedere alla Piattaforma Facebook Business Manager con il proprio profilo cliccando qui
  2. Vai su Impostazioni/GestioneEventi/Origine dei dati
  3. Seleziona in alto l'account Pubblicitario su cui dovrai creare le tue campagne pubblicitarie e successivamente seleziona "Crea Pixel"
  4. Una volta impostati i parametri richiesti da Facebook e dato un nome al Pixel, installalo sul sito web come descritto
  5. Verifica il corretto installamento del Pixel con la funziona "invia traffico di prova"

Come impostare gli eventi per il Pixel di Facebook

  1. Accedi al tuo account Business Manager e vai su "Gestione inserzioni"
  2. Seleziona "Gestione eventi" dalle impostazioni
  3. Seleziona il pixel su cui inserire gli eventi
  4. Vai su Impostazioni/strumento per la consigurazione degli eventi
  5. Inserisci l'URL del tuo sito web o della tua Landing Page e clicca su "Apri il sito web"; Lo strumento per la configurazione degli eventi si aprirà direttamente nel browser del tuo sito web
  6. Clicca su "Controllo per ogni evento suggerito" quindi seleziona Conferma o Ignora
  7. Se vuoi aggiungere degli eventi che non sono mostrati nella lista dei suggeriti, Seleziona "Monitora un nuovo pulsante" o "Monitora un URL" e segui le istruzioni visualizzate sullo schermo per la corretta impostazione
  8. Imposta i parametri per il tuo evento.
  9. Una volta terminato il tutto, clicca su "Completa la configurazione nello strumento per la configurazione degli eventi"

Se non hai alcun genere di esperienza con i siti web o con la creazione ed impostazione di campagne pubblicitarie, ti suggeriamo di affidarti a degli specialisti del settore.

Noi di Blu Innovation Media abbiamo più di 30 anni di esperienza nel settore pubblicitario sia tradizionale che sul web, se hai bisogno di ulteriori informazioni, potrai tranquillamente contattarci compilando il modulo di contatto che troverai qui.

Sitemap Sito Web: cos'è? a cosa serve? come crearla?

Sitemap di un Sito Web, cos'è? a cosa serve e come crearla

La Sitemap di un sito web è una sorta di sommario che raggruppa le pagine presenti al suo interno.

Perchè è importante la Sitemap?

La sitemap racchiude tutti i contenuti presenti al sito web strutturati in modo tale che il motore di ricerca possa analizzarli nella maniera più facile e veloce possibile. In questo modo il motore di ricerca potrà velocizzare il suo processo di indicizzazione e posizionamento e valutarne la facilità di ricerca da parte degli utenti.

Come sappiamo, è necessario che tutto il lavoro svolto all'interno di un sito web passi attraverso il motore di ricerca per essere accettato e indicizzato e l'utilizzo della sitemap aiuta a rendere più veloce tutto questo processo per valutare nel più breve tempo possibile eventuali errori riscontrati ai contenuti o alla struttura della pagina.

La sitemap non viene solamente creata per la prima volta, quando abbiamo creato il sito web e vogliamo "presentarla al motore di ricerca" ma è fondamentale mantenerla aggiornata e inviarla al motore di ricerca (come Google) ad ogni aggiornamento di contenuti (nuovi articoli sul web, nuove pagine, modifiche dei testi...)proprio per lo stesso motivo: farl analizzare il tutto in maniera più sicura e veloce.

Tipologie di Sitemap

Ad oggi esistono molteplici programmini, plug-in, installati all'interno di un sito web che permettono una creazione automatica della sitemap, in un solo click. La più utilizzata è la sitemaip scaricata in XML, un formato creato da Google nel 2005 che rende più veloce ed efficace la lettura del tutto da parte del motore di ricerca.

La più vecchia invece è la versione in formato HTML, ormai praticamente in disuso, ed era più volta al semplificare la navigazione degli utenti che non per indicizzare sui motori di ricerca.

Come faccio a non far indicizzare alcune pagine del mio sito web?

Se all'interno del tuo sito ci sono delle pagine o comunque dei contenuti che non vuoi vengano indicizzati (come pagine di login per utenti ad esempio) è bene inserire un file all'interno della cartella Root del sito web (una cartella da amministratore) di nome robot.txt che conterrà in maniera testuale le pagine o le cartelle di contenuti da non leggere e indicizzare.

tutto ciò va ovviamente fatto prima della creazione e dell'invio della sitemap a Google, altrimenti la sitemap che creeremo non saprà cosa leggere e cosa no.

Come creare una sitemap in maniera veloce?

Ci sono diverse modalità per creare una sitemap, dal sito web direttamente fino a dei software esterni dedicati, vediamo qualche esempio:

  • Plug-in per siti wordpress come Yoast Seo, che ha al suo interno la funziona di creazione ed esportazione sitemap pronta per essere inviata a Google
  • Software esterno come Screaming Frog che una volta eseguita la scansione del sito web, potrai esportare il tutto tramite l'apposita opzione
  • Software online come xml-sitemaps dove inserendo l'url del tuo sito web, potrai eseguire la scansione e poi esportare il tutto

Come inviare una Sitemap al motore di ricerca

Poniamo il caso di dover inviare la nostra Sitemap a Google, utilizzeremo la piattaforma dedicata"Google search console".

  1. Entra all'interno della piattaforma
  2. Accedi alla proprietà del tuo sito web o creane una tramite la procedura guidata
  3. Vai al menu indice/Sitemap
  4. Inserisci l'url della tua Sitemap (la tua Sitemap ha un url che riporta al documento, quindi va inserito quello e non l'url del tuo sito web)
  5. Invia il tutto a Google

Bisogna attendere da qualche ora a qualche giorno affinchè Google possa leggere il tuo file e indicizzarlo, quindi non metterti subito a cercare i tuoi risultati nel motore di ricerca subito dopo aver premuto "invio"

Hai mai inviato la sitemap del tuo Sito Web sui motori di ricerca? se non lo hai mai fatto, inizia a provvedere e se hai bisogno di ulteriori informazioni o di qualcuno che possa fare questo lavoro per te, non esitare a contattarci, ti basterà solamente cliccare qui.

Novità web Marketing 2022

Le novità del web marketing 2022 portano un grande approfondimento di tutte le novità già elencate per il web marketing 2021.

Sito web ottimizzato in ottica seo, video marketing, email marketing, sms marketing, campagne pubblicitarie restano i "sempreverde" di una buona strategia di marketing.

Di cosa parliamo, quindi, per web marketing del 2022?

Degli e-commerce che stanno avendo una forte crescita e stanno quindi risultando molto efficaci in termini di vendita. L'utenza che acquista online sta iniziando ad essere maggiore rispetto le vendite dei punti vendita tradizionali offline.

Ecco che quindi diventa fondamentale mettersi all'opera per portare i propri prodotti e servizi online con possibilità di acquisto direttamente da smartphone e computer; soprattutto da smartphone che rimane il re indiscusso tra i maggiori dispositivi di navigazione.

Da un e-commerce non bisogna uscire senza aver completato un'azione, ecco che quindi ritorniamo al discorso dell'e-mail marketing o delle campagne pubblicitarie remarketing.

E-mail Marketing ed Sms-marketing

Le e-mail e gli sms restano il contatto diretto per eccellenza ed è di vitale importanza cercare di acquisirli durante la navigazione nel vostro sito web. 

Che sia per ricevere aggiornamenti importanti, che sia per ottenere dei vantaggi speciali, quello che conta è ottenere i dati del proprio potenziale utente per poterlo raggiungere nuovamente per "convincerlo" a completare l'azione di acquisto.

Parola d'ordine: automazione

Oggigiorno, i più moderni software di mail marketing ed sms marketing come Blu Platform, permettono la programmazione di email ed sms sulla base di azioni all'interno della email o sms.

Es. Inviamo una mail o un sms contenente una landing page con modulo di contatto per ricevere informazioni, possiamo successivamente inviare una nuova email o sms a chi non ha compilato quel modulo di contatto invogliandolo con un messaggio speciale a concludere l'azione richiesta

Campagne pubblicitarie Remarketing

Nel caso ci sfuggisse l'utente che non ha lasciato i propri dati, ci vengono sempre in aiuto le campagne pubblicitarie remarketing, ossia raggiungere nuovamente quegli utenti che hanno interagito con il nostro sito web:

  • Se ha visto una pagina in particolare
  • Se ha inserito un prodotto nel carrello per poi abbandonarlo

E così via...

Le campagne pubblicitarie remarketing ti permetteranno di raggiungere nuovamente questi utenti e spingerli nel completare ciò che avevano iniziato grazie ad un messaggio pubblicitario creato ad hoc per loro (es. "Completa il tuo acquisto e ricevilo subito con il 20% di sconto!")

Influencing Marketing

L'influencing continua ad avere grandi risultati, grazie all utilizzo di volti noti per promuovere e testimoniare il prodotto o servizio che vogliamo vendere.

Soprattutto se il nostro target è giovane, l'utilizzo degli influencer continua imperterrito ad essere uno dei migliori metodi di acquisizione di clienti.

Gli influencer lavorano soprattutto in canali come youtube e instagram per quanto riguarda il target giovane e stanno spopolando anche su Tik Tok.

Non a caso è possibile da alcuni mesi allegare un url ai prodotti presenti nelle fotografie (come accade su facebook o su instagram) chiamato "tag"; un click e sei direttamente all'interno della pagina d'acquisto del prodotto/servizio "taggato".

Semplice, veloce e senza perdere secondi preziosi che possono distrarre il tuo utente.

Webinar e Live Streaming

Non dimentichiamo che prima di un acquisto c'è sempre la fase "informativa", gli utenti, anche se interessati al nostro prodotto o servizio, continueranno sempre a cercare come prima cosa utili informazioni per convincersi al 100% che ciò che proponiamo è ciò che realmente potrà soddisfare il loro bisogno.

Ecco quindi che continuano ad essere vitali gli articoli all'interno di un blog, ma oggi gli articoli sul blog non sono solamente quelli scritti.

Oggi possiamo spaziare tra articoli scritti, video recensioni, appuntamenti in live streaming e webinar. Tutti canali atti a dare informazioni originali e utili per portare il nostro utente a compiere l'azione da noi desiderata.

Il contatto umano non avrà mai fine

Questo rimane un punto cardine per acquisire soprattutto la fiducia del nostro utente e cliente.

Si ai bot con intelligenza artificiale per rispondere a quesiti semplici, ma mai tralasciare il fattore umano. Gli utenti hanno bisogno di risposte veloci, di essere ascoltati e compresi e questo può essere ottenuto solo se dall'altra parte c'è un contatto umano.

Interazione tramite i post dei social, customare care e risposte veloci ai moduli di contatti restano una delle armi vincenti. Mai tralasciarle.

La fiducia è alla base del successo del tuo Brand.

Sii educato, sii empatico...sii umano, sempre.

 

Le novità del web marketing per il 2022 sono in costante aggiornamento, queste sono solo alcune delle news che ci troveremo a fronteggiare.

Restate aggiornati per le ultime novità che non tarderanno ad arrivare nell'arco dei mesi e per qualunque informazione, noi di Blu Innovation Media siamo sempre a disposizione per una consulenza; basterà solamente cliccare qui per inviarci la tua richiesta.

Brand Reputation per la tua Azienda

Iniziamo con il dare una definizione chiara su cosa sia la "brand reputation":

Con Brand Reputation si intende quell'insieme di percezioni e valutazioni che un utente possiede nei confronti dell'azienda.

Esempio:

Cosa ne pensi del Mc Donalds?

"mi piace il cibo e il servizio è molto veloce

In parole povere, la Brand reputation (la reputazione che ha il brand, l'azienda) è l'opinione che un utente ha nei confronti dell'azienda e può, ovviamente, essere positiva oppure negativa.

Che potere ha la Brand reputation per il successo della tua azienda?

Tanto. si, la reputazione ha tanto potere, c'è poco da fare...e lo possiamo vedere anche nella nostra quotidianità.

Nessuno di noi andrebbe a cenare in un ristorante di cui si parla molto male, o mi sbaglio?

Ecco perchè è importante costruire la propria reputazione online e offline, non è semplice, non è veloce, si costruisce con il tempo e con il lavoro "umano" oltre che con ciò che vendi.

Ma come si costruisce la propria brand reputation?

Sicuramente per costruire la propria reputazione, va da sè che bisogna risaltare i lati migliori della propria azienda e del proprio lavoro, come ad esempio il rispetto delle aspettative dei clienti nel confronti di ciò che gli vendete.

Fate presente di avere un'assistenza veloce o dei servizi migliori rispetto quelli degli altri? bene, esaltateli MA SOLO SE È VERO.

un cliente deluso non ha pietà a sbugiardarvi e se vieni sbugiardato diventa un grosso problema per la tua reputazione.

Diventi proprio come il ristorante dell'esempio poco sopra, tu andresti ad acquistare un prodotto in un negozio di cui si parla male? sicuramente le pessime opinioni avrebbero una certa influenza anche su di te; lo stesso vale per gli altri.

Quindi in sostanza:

  • Esalta i lati migliori della tua azienda, umani e professionali
  • Se fai delle promesse (prodotti di alta qualità, assistenza veloce, ecc.), devi rispettare le aspettative dei tuoi clienti
  • Sii sempre pronto all'innovazione, sii creativo, fa vedere al tuo target che sei in grado di poter soddisfare i loro bisogni anche nel tempo e non solo quando acquistano la prima volta
  • Offri ai tuoi collaboratori un ambiente gioviale e soddisfacente, anche l'opinione dei tuoi collaboratori conta, soprattutto quando parlano della tua azienda a potenziali interessati. Il passaparola resta ancora una delle armi vincenti.
  • Ogni azienda deve avere un volto "leader" ed è fondamentale che tale leader non abbia una cattiva reputazione (Steve Jobs per Apple, ad esempio). L'opinione nei confronti di un leader si riflette anche su tutto quello che lo circonda, come il lavoro e l'azienda.
  • Oggi diventa di vitale importanza essere attivi in cause solidali, mostrarsi quindi umani che hanno a cuore il prossimo e l'ambiente. Porta sicuramente un'opinione positiva, essere umani prima che imprenditori piace.

 Il modo in cui la tua azienda comunica con l'utente è fondamentale per la tua brand reputation, e non parliamo solamente di "passaparola" ma parliamo anche di:

Azioni visibili della tua azienda che possono essere giudicate come ad esempio il modo di gestire le difficoltà o il modo di rapportarsi a clienti e collaboratori.

Se ad esempio un cliente ti manda un messaggio su messenger facebook per chiedere informazioni e gli viene risposto in maniera secca e poco "amichevole", ciò può essere giudicato negativamente.

"salve, avrei bisogno di informazioni sul prodotto xyz"

"si, mi dica"

Ecco, piuttosto meglio rispondere con un "salve nomeutente, sono Giorgio e sono lieto di rispondere alle sue domande, mi dica pure di cosa ha bisogno"

Suona già in ben altra maniera non trovi? e chi ti scrive sicuramente apprezzerà la gentilezza e sarà meno avvezzo ad arrabbiarsi in caso di problematiche.

Di questo esempio è campione Amazon e la sua assistenza clienti. La gentilezza e la disponibilità del suo customer service porta l'utente da essere arrabbiato ad essere nuovamente tranquillo e propositivo.

Per fare quindi un piccolo sunto:

  • La gente deve parlare e deve pensare bene di voi, ecco lo scopo della brand reputation, ed è possibile arrivare a tutto ciò grazie al modo di comportarsi, di comunicare, di lavorare, di rapportarsi con il prossimo.
  • La reputazione è sempre variabile, non è mai fissa, può succedere un qualcosa, un evento, un pettegolezzzo, un errore a causare una variazione di pensiero da parte dell'utenza.
  • Essere umani, prima di ogni cosa, saper chiedere scusa in caso di errore e trovare il modo di rimediare è apprezzato, anche dagli utenti più inferociti.
  • Vicini a clienti ed utenti sul web e anche dal vivo con interazioni online come mail, sms, lettere...

Cosa si dice della tua azienda? 

Se vuoi saperne di più di come la tua azienda viene valutata dal pubblico, contattaci per una consulenza, ti basterà solamente cliccare qui.

Alla prossima!

Campagne pubblicitarie per no-profit

Le campagne pubblicitarie per no-profit hanno un obiettivo ben chiaro e ben diverso dalle altre aziende "profit": sensibilizzare e portare un messaggio importante, che faccia riflettere, che possa aiutare la collettività, senza alcuno scopo di guadagno.

Le aziende no-profit, come le onlus, portano alla luce tematiche di grande interesse sociale con lo scopo primario di contribuire a migliorare il pensiero collettivo e la società in generale.

Informazione e sensibilizzazione, ecco cosa le aziende no profit portano al loro target. 

Chi è il target delle aziende no-profit?

Il target può essere molto vasto, sensibilizzare sulle tematiche può raccogliere ogni genere di utente, ma è anche possibile destinare il proprio messaggio anche a target specifici

Facciamo un esempio concreto:

  • Il bullismo è una grave piaga, mortale alle volte, bisogna sensibilizzare il popolo e far loro comprendere le conseguenze di certe azioni.

Ecco, è possibile destinare il messaggio magari alle fasce giovani, a genitori con figli che frequentano la scuola, dove è maggiormente praticato il bullismo.

Un altro esempio: 

  • Guidare in modo sicuro aiuta a prevenire il più possibile gli incidenti stradali.

Con questo messaggio possiamo raggiungere utenti magari appassionati di auto da corsa e che ne possiedono una.

Un altro esempio:

  • L'endometriosi è una vera e propria malattia, anche se se ne parla ancora troppo poco e non viene presa sul serio.

Possiamo sensibilizzare sul tema tutte quelle donne, in fascia d'età fertile, che magari soffrono dello stesso problema e non ne parlano per timore di non essere prese sul serio.

 

Come vedi, ci sono moltissimi esempi e moltissime tematiche che un'azienda no-profit può affrontare e può affrontarlo facendo recepire il proprio messaggio direttamente agli interessati.

 

Come si può creare una campagna pubblicitaria per aziende no-profit?

Google offre la possibilità di creare campagne pubblicitarie per no-profit, grazie al servizio Google AdGrants.

 

Cos'è Google AdGrants e come funziona?

Google AdGrants è un servizio di creazione pubblicità che mette a disposizione delle aziende no-profit circa 9mila euro da investire, appunto, in campagne pubblicitarie.

Con questo software è possibile creare delle campagne pubblicitarie efficaci che permettono di ampliare la visibilità, portando quindi più donazioni verso gli enti benefici e aumentando il numero di volontari che si uniranno alla causa.

 

Come creare una campagna pubblicitaria, nel concreto, con Google AdGrants? 

Come scritto sopra, puoi impostare il tuo target a seconda del messaggio che vuoi portare sulla base di sesso, età, area geografica, interessi...

Una volta stabilito ed impostato al meglio il tuo target si può passare alla fase della scelta delle migliori parole chiave per il tuo annuncio.

Le parole chiave, come del resto accade anche sugli annunci standard di Google adwords per aziende profit, devono essere coerenti con il messaggio e con l'argomento proposto, devono essere specifiche e non generiche (per evitare clic inutili e meno mirati rispetto quelli che si potrebbero ottenere con delle parole chiave più specifiche, che porterebbe a spendere soldi in clic poco utili) e soprattutto devono essere parole chiave di qualità, il software stesso ti aiuterà a capire quali sono le parole chiave di qualità a seconda i dati e le statistiche che ti verranno proposti.

Adesso è il momento di passare al lato più creativo della tua campagna pubblicitaria

Concentrati bene sul contenuto, deve essere chiaro e deve saper coinvolgere sin da subito, se usi delle immagini fa sì che siano di ottima qualità e che rispecchino con l'argomento.

Il tuo annuncio porterà ad una pagina di destinazione quando verrà cliccato, la pagina web di destinazione deve essere perfettamente coerente con l'argomento dell'annuncio, chiara e ben composta.

Dalla tua pagina di destinazione potrai richiedere donazioni da investire totalmente nella causa e potrai cercare nuovi volontari per la tua causa.

Con Google AdGrant avrai sempre a disposizione tutte le statistiche e tutti i conteggi delle spese pubblicitarie affrontate, in questo modo potrai avere sempre tutto sotto controllo e saprai dove e in che modo ottimizzare le tue spese e i tuoi annunci pubblicitari.

 

Hai un'azienda no-profit e vuoi portare la tua mission in giro per l'Italia o per il mondo? contattaci adesso cliccando qui.

Noi di Blu Innovation Media possiamo aiutarti e creare per te le migliori campagne pubblicitarie no-profit. Avrai sempre a disposizione un piano editoriale ed una strategia personalizzata oltre che tutte le statistiche sull'andamento delle spese pubblicitarie e delle tue campagne.

Che ne dici?

 

Alla prossima!

 

 

Social Customer Care: cos'è e come si fa

Social Customer Care, cosa è e come si fa? perché sta diventando così importante implementarlo nella tua strategia di social media marketing?

Iniziamo dicendo che ad oggi, oltre il 70% degli utenti che possiedono un profilo Facebook, utilizza quest'ultima per richiedere informazioni alle aziende tramite la "messaggistica privata"

Va da sé che nel momento in cui parliamo di Social Customer Care, parliamo proprio dell'assistenza che bisogna fornire tramite la pagina aziendale Facebook.

Andiamo più nel concreto

Fare customer care, ovvero fornire un servizio d'assistenza tramite social network significa innanzitutto essere presenti, una vera e propria mansione che può coinvolgere anche un vasto team, in caso di grandi aziende.

Cosa deve fare un customer care?

  • Deve innanzitutto saper ascoltare e saper gestire le critiche
  • Rispondere in maniera degnamente veloce e non abbandonare per ore un utente in attesa
  • Fornire un'assistenza completa ed adeguata a risolvere il problema dell'utente
  • Conoscere bene i servizi e i prodotti venduti e saper quindi dare tutte le corrette informazioni
  • Saper consigliare il miglior servizio o prodotto sulla base delle esigenze dell'utente
  • Dimostrare di essere cordiali e professionali e porre una buona attenzione nei confronti dell'utente
  • Usare un linguaggio scritto consono e amichevole
  • Usare le emoji dove servono (come un sorriso quando chiedi qualche secondo di attesa "attenda qualche minuto :)")
  • Rendere una pagina web più umana possibile, per quanto il mondo oggi sia attaccato allo smartphone, viene prediletto sempre il contatto umano in caso di bisogno.
  • Deve avere padronanza dei tool che permettono una visione più ampia di come l'azienda viene considerata all'interno del social (ad esempio se l'azienda viene menzionata da qualche parte sul social)

Fornire un buon servizio di customer care porta inesorabilmente ad un grosso miglioramento dell'immagine aziendale e gli utenti saranno molto più interessati ad acquistare da te piuttosto che dalla concorrenza che lo ignora.

Ma nel caso non fosse disponibile un assistente umano, magari nelle ore notturne, cosa si fa?

Ecco che viene in soccorso il Chat Bot, che nei momenti opportuni può sostituire l'assistente umano e comportarsi proprio come uni di loro, ne abbiamo parlato nel nostro precedente articolo, potrai leggerlo cliccando qui.

E tu, hai già implementato il servizio di Social Customer Care nella tua strategia?

Se ti servono più informazioni su come implementarlo, i suoi vantaggi e quali sono i migliori Tool di gestione, contattaci pure, siamo a disposizione, basterà solamente inviarci la tua richiesta cliccando qui.

Alla prossima!