-- Scopri come rendere automatiche le mansioni più noiose
Lunedì, 02 Novembre 2020 10:36

Scopri come rendere automatiche le mansioni più noiose

Diciamoci la verità, ci sono processi di lavoro davvero noiosi e snervanti.
Un esempio? la vendita.

L’ansia di essere perfetti, di piacere, di riuscire a strappare un contratto...un tempo era fondamentale ma oggi è possibile anche farne a meno, manualmente parlando.

Ecco infatti che il digitale ci viene in soccorso e oggi voglio spiegarti come rendere automatiche tutte quelle azioni che se ieri ti riempivano la giornata senza stop, oggi potrai farne a meno e godere di qualche minuto in più di relax.

Ti spiegherò portandoti direttamente un esempio concreto, reale, di un’azienda che dal porta a porta è riuscita ad automatizzare i suoi processi di vendita.

Ecco a voi Tommaso, titolare di un’azienda di materassi

Tommaso ed i suoi venditori facevano vendita porta a porta ed ogni giorno era una sfida faticosa.
Suonavano il campanello, speravano in una risposta e soprattutto speravano di venire ascoltati e convincere l’utente all’acquisto.
9 volte su 10 era un totale fallimento, nessuno voleva aprire la porta, la gente si scocciava di questo piombare in casa all’improvviso e soprattutto erano in pochi a valutare un acquisto.

Cosa ha quindi deciso di fare Tommaso?
Stanco di tutta questa situazione, che oltre al nervosismo, stava portando via troppo tempo alla sua vita, decide di chiedere una consulenza mirata all’Agenzia Blu Innovation Media che si occupa di comunicazione.

Che lavoro è stato fatto con Tommaso?
Innanzitutto è stato fatto un quadro ben studiato sul suo target.

Chi è il suo cliente ideale? a chi vuoi vendere i tuoi materassi? perché dovrebbero acquistare da te?
Tommaso ci dice che i suoi materassi sono fatti di un materiale innovativo che aiuta soprattutto una clientela che soffre di dolori alla schiena.

Chi soffre di dolori alla schiena?
Da una ricerca fatta su un campione di 200 persone a cui è stato chiesto, è stato constatato che a soffrire di dolori alla schiena erano per la maggior parte persone dai 35 anni a salire, soprattutto donne in questo specifico caso.

Cosa è stato quindi deciso con Tommaso?
Scrivere per loro una lettera di vendita (come se si parlasse dal vivo) basata sul loro bisogno specifico; un testo diverso, per uomini e per donne.

  • Riconoscere il problema
  • Parlare del problema per entrare in empatia con l’utente
  • La soluzione
  • Perché scegliere proprio questa soluzione
  • Presentazione dell’azienda
  • Chiamate all’azione per l’utente per ricevere informazioni o acquistare subito sulla soluzione (per ricevere informazioni o acquistare, dovranno lasciare dei dati che verranno custoditi all’interno di database protetti e visibili solo per l’azienda)

Questa lettera di vendita, viene inviata alla nostra utenza ideale stando seduti davanti un computer, che è sicuramente meno faticoso di prendere l’auto e fare un giro di tutte le case.

A differenza della vendita porta a porta che una volta finita la conversazione ci si saluta e a mai più, la lettera di vendita inviata online permette di avere dati preziosi sull’utenza.

  • Nome e cognome
  • Indirizzo email
  • Numero di telefono
  • e molto altro ancora...

Dati che sarà possibile poter riutilizzare anche in futuro.

Chi ci lascia i propri dati, sono utenti potenzialmente interessati e non possiamo di certo lasciarceli sfuggire!
Ignorare utenti interessati è come buttare via soldi!

Con il digitale sai a chi vuoi vendere, sai già da subito chi può essere interessato e dedicarti direttamente agli utenti interessati senza perdere tempo prezioso con i “no”.

Come possiamo utilizzare questi preziosi dati che ci lasciano i nostri utenti?

Sono molteplici gli utilizzi che è possibile fare con questi dati, sempre nel pieno rispetto della privacy, 

  • Possono per esempio essere inseriti all’interno di una sequenza di mail con informazioni utili e offerte esclusive
  • Possono essere raggiunti tramite campagne pubblicitarie mirate
  • Possono ricevere sms esclusivi
  • e tanto altro ancora.

È importante usare i dati degli utenti? SI!

Perché se si dimostrano interessati ma non ancora pronti all’acquisto, raggiungerli nuovamente con email, sms con BluPlatform e campagne pubblicitarie specifiche e appetitose, potranno sentirsi più sicuri e invogliati all’acquisto.

Così Tommaso ha realizzato insieme all’azienda questo processo di vendita che va:

  • Dall’invio di una lettera di vendita alla sua clientela ideale
  • I dati ricevuti dagli interessati finivano in una sequenza di email fino ad arrivare all’acquisto
  • Chi acquista esce da quella sequenza di mail per entrare in un altra con email ed sms di offerte esclusive e vantaggiose per futuri acquisti (come un cuscino coordinato per il collo)
  • Chi invece ancora non si decide ad acquistare continua a ricevere mail che possano invogliare ad agire.

 

Cosa ha guadagnato Tommaso in tutto questo? 

TEMPO PREZIOSO!
Che può sfruttare per altre attività in azienda, per stare a casa in famiglia e per dedicarsi ai suoi hobby di fai da te.

SOLDI
La benzina costa e andare in giro per la città per ricevere dei no beh...vale questa spesa?

SALUTE MENTALE
La famosa “ansia da prestazione” era ormai solo un ricordo. Lavorava il web per lui e l’unica cosa che Tommaso doveva fare era Fatturare senza perdere tempo prezioso e soldi preziosi.

 

La tua azienda è differente
Nessuna azienda è differente, tutte le aziende vogliono vendere e chi vuole vendere ha sempre un suo pubblico, basta solo scoprirlo.
Vuoi risparmiare anche tu la noia e la scocciatura di dover vendere alla vecchia maniera per far spazio al risparmio (di tempo, soldi e pazienza)?
Non ti resta altro che richiedere anche tu la tua consulenza e dare il via a rendere automatiche tutte le mansioni noiose!